Comunicazione e divulgazione scientifica

 

Science communication

 

Anno accademico 2018/2019

Codice attività didattica
MFN1633
Docenti
Prof. Guido Magnano (Titolare del corso)
Andrea Maria Vico (Titolare del corso)
Corso di studio
Laurea in Matematica
Anno
3° anno
Periodo didattico
Primo semestre
Tipologia
D.M. 270 TAF C - Affine o integrativo
Crediti/Valenza
6
SSD attività didattica
MAT/01 - logica matematica
MAT/02 - algebra
MAT/03 - geometria
MAT/04 - matematiche complementari
MAT/05 - analisi matematica
MAT/06 - probabilita' e statistica matematica
MAT/07 - fisica matematica
MAT/08 - analisi numerica
MAT/09 - ricerca operativa
Erogazione
Tradizionale
Lingua
Italiano
Frequenza
Obbligatoria
Tipologia esame
Prova pratica
 
 

Obiettivi formativi

  • Italiano
  • Inglese

Il Corso di Laurea in Matematica ha fra le sue finalità dichiarate quella di sviluppare competenze utili, tra l'altro, per un possibile inserimento professionale "nel campo della diffusione della cultura scientifica".

Più in generale, si prevede che i laureati in matematica siano "in grado di comunicare problemi, idee e soluzioni riguardanti la Matematica di base, sia proprie sia di altri autori, a un pubblico specializzato o generico, nella propria lingua e in inglese, sia in forma scritta che orale." 

Gli obiettivi formativi dell'insegnamento sono quindi i seguenti:

  • potenziare le capacità comunicative in riferimento a situazioni in cui  il futuro laureato debba presentare pubblicamente, anche con strumenti multimediali, temi di carattere matematico/scientifico, risultati della ricerca (propria o di altri) o più in generale i risultati di un lavoro personale o di gruppo, sia in contesti divulgativi sia in contesti professionali;
  • potenziare l'abilità di lavoro in gruppo; sviluppare le capacità di reperimento e di valutazione critica delle fonti di informazione; promuovere la conoscenza delle prospettive professionali nel campo della comunicazione e divulgazione scientifica e della possibile prosecuzione degli studi in master di primo livello indirizzati a questo settore.

 

Risultati dell'apprendimento attesi

  • Italiano
  • Inglese

Nel corso, lo studente dovrà partecipare ad un'attività laboratoriale finalizzata alla preparazione di un intervento di carattere divulgativo da presentare all'interno di eventi pubblici proposti sul territorio. L'intervento consisterà in una presentazione con l'ausilio di strumenti multimediali. All'attività laboratoriale, che occuperà metà delle ore del corso, si affiancherà una serie di lezioni da parte di esperti del settore, che illustreranno diverse tematiche proprie della comunicazione e della divulgazione scientifica. 

Lo studente, alla fine del corso, dovrà quindi essere in grado di

  1. comprendere i diversi contesti, strumenti e finalità della divulgazione scientifica, il suo ruolo culturale e sociale, gli aspetti etici e professionali;
  2. individuare il linguaggio e gli strumenti adeguati a comunicare contenuti matematici anche complessi (relativi alla matematica pura o ad applicazioni nel campo delle scienze fisiche e naturali o delle scienze sociali) in funzione della composizione del pubblico atteso;
  3. redigere il progetto di un intervento di carattere divulgativo, descrivendone preventivamente gli obiettivi, la destinazione e la collocazione nell'ambito delle tipologie della divulgazione scientifica;
  4. ricercare fonti adeguate e scientificamente autorevoli;
  5. elaborare i materiali per l'intervento, tipicamente consistente in una presentazione orale supportata da contenuti multimediali (immagini, animazioni e videoclip);
  6. proporre l'intervento in pubblico;
  7. valutare a posteriori l'efficacia dell'intervento proposto, in termini di raggiungimento degli obiettivi di diffusione della cultura scientifica e di gradimento del pubblico.

 

Programma

  • Italiano
  • Inglese
Argomenti trattati nelle lezioni frontali :
  • Il ruolo della diffusione della cultura scientifica e della promozione della ricerca di base presso l'opinione pubblica. Aspetti etici, sociali, politici. 
  • Dal PUS (Public Understanding of Science) al PEST (Public Engagement od Science and Technology). La terza missione dell'Università. Il pubblico della divulgazione scientifica.
  • Divulgazione scientifica nell'era di Internet; risorse in rete, il web 2.0 e Wikipedia, prospettive future dell'editoria scientifica e divulgativa.
  • Divulgazione scientifica e mass media: il giornalismo scientifico.
  • Musei della scienza e festival della scienza.
  • Tradurre la realtà in numeri: uso corretto e uso scorretto della statistica. 
Argomenti affrontati nell'attività di laboratorio:
  • INVENTIO: individuare gli obiettivi della comunicazione e il pubblico a cui è destinata; reperire le fonti, distinguere fonti attendibili da fonti inattendibili, ripercorrere l'evoluzione storica della tematica, riconoscere l'esistenza di controversie, pregiudizi e false credenze; individuare una prospettiva originale per l'intervento, le motivazioni da offrire al pubblico, i concetti verosimilmente familiari sui quali appoggiarsi;
  • DISPOSITIO: costruire mappe concettuali, pianificare la presentazione come itinerario sequenziale di esplorazione; individuare i punti nodali e gli ostacoli concettuali; gerarchizzare l'informazione, eliminare informazioni e passaggi non necessari per il raggiungimento degli obiettivi;
  • ELOCUTIO: individuare le risorse (grafici, immagini, diagrammi, animazioni) che possono agevolare la comprensione dei punti nodali; costruire uno sfondo integratore (anche narrativo); costruire un codice semantico per gli elementi metacomunicativi (scelte grafiche e di layout, tecniche di enfasi, animazioni, transizioni) coerente con lo sfondo integratore; costruire un attacco e una conclusione efficaci.
  • Comunicare concetti matematici: comprensione formale vs comprensione intuitiva o analogica. La matematica è di per sé un linguaggio, ma solo per chi già lo capisce: quando usare formule (e come scriverle).
  • Comprendere gli aspetti percettivi ed emotivi del processo comunicativo, e saper calibrare consapevolmente messaggi e metamessaggi allo scopo di farsi ascoltare e di farsi capire. La lezione della comunicazione pubblicitaria: la promessa.
  • Prevenire gli errori frequenti: gestione errata del tempo a disposizione, aspettative irrealistiche nei confronti del pubblico (conoscenze acquisite, capacità di attenzione e memoria), attacco debole, difetti di leggibilità della comunicazione visiva, contenuti proposti senza adeguata motivazione per chi ascolta, eccessi o incoerenze nelle scelte grafiche, inserimento di elementi che disorientano o distraggono, mancanza di una sintesi finale efficace e coerente.

 

Modalità di insegnamento

  • Italiano
  • Inglese

Alternanza di attività laboratoriale (sull'uso degli strumenti multimediali) con lezioni frontali.

 

Modalità di verifica dell'apprendimento

  • Italiano
  • Inglese

L'acquisizione delle competenze descritte ai punti 3--7 dei risultati dell'apprendimento attesi sarà valutata nel corso dell'attività di laboratorio; l'attività di laboratorio potrà includerà anche esercitazioni propedeutiche su singoli aspetti tecnici, che saranno valutate in itinere.

Le presenze saranno rilevate sistematicamente. Per gli studenti presenti in almeno 2/3 delle ore complessive di corso (e ad almeno 2/3 dell'attività di laboratorio), la valutazione finale sarà basata sull'intervento divulgativo prodotto: concorreranno alla valutazione il progetto iniziale (che consentirà anche la valutazione delle competenze descritte ai punti 1 e 2), i materiali elaborati, la presentazione in pubblico e il resoconto a posteriori dell'intervento.

Per gli studenti che non avranno frequentato nella misura richiesta, la valutazione si baserà, oltre che sulla produzione di un elaborato multimediale, anche su un esame orale: questo avrà per oggetto i temi trattati nelle lezioni frontali e il contenuto dei testi di approfondimento proposti durante il corso, e sarà finalizzato alla verifica delle competenze descritte ai punti (1-2). 

 

Testi consigliati e bibliografia

  • Italiano
  • Inglese

(in costruzione)

 
 
Ultimo aggiornamento: 22/10/2018 14:56
Campusnet Unito

Location: https://www.matematica.unito.it/robots.html
Non cliccare qui!